ChromeBook e Devs

In un viaggio a New York che ho fatto di recente, ho trovato un fantastico laptop firmato Google, non prodotto in Italia, l’ho comprato e mi sono ritrovato in un attimo ad amarlo.
Il computer si chiama Google Pixelbook ed e’ basato su Chrome OS.

In realta’ ne esistono diversi anche di altre marche e distribuiti in Italia di computer che montano Chrome OS e sono chiamati Chromebook.

Ma dove sta il bello di questo sistema operativo?
Il bello e’ che di base offre un sistema operativo molto “limitato” ma allo stesso tempo veloce e leggero con il quale si puo’ navigare, leggere la posta elettronica, lavorare su documenti Office, ecc… ma allo stesso tempo offre la possibilita’ di installare apps dal Play Store ufficiale di Google e di avere un ambiente Linux “containerizzato” basato su Ubuntu 9.

Come intuirete, questa funzionalita’ apre le porte ad infinite possibilita’ per qualsiasi sviluppatore di crearsi macchine virtuali locali da utilizzare per lo sviluppo dei propri progetti senza utilizzare tools come Wamp, Xampp e simili.

Ma non solo! L’ambiente virtualizzato Linux permette di installare ed utilizzare tutte le applicazioni open source e non sviluppate per Linux in ambito APT.

Io mi sono creato, ed ho reso disponibili su Github, alcuni script SH da utilizzare per installare i programmi fondamentali per lo sviluppo web (Sublime, Merge, Filezilla e Gimp), creare un ambiente LAMP (con PHP7.2 e MySql 5.7), creare nuovi host all’interno della virtualizzazione e altre istruzioni “base” per utilizzare al meglio il proprio chromebook.

Ecco il link per scaricarli ed utilizzarli… spero vi sia utile: https://github.com/andreapollastri/chromebook-linux-dev-scripts